Mese: aprile 2008

Il Bar del futuro

Il Bar del futuro è situatuo sulla sesta stazione orbitante del quinto anello gravitazionale di Alpha Camelopardis, si chiama M'Akkamp'oh, che nel dialetto di quel quadrante significa "Bar talmente piacevole che non andrei mai via di qui". E' il bar più bello e funzionale della galassia, dove tutte le specie cosmiche si incontrano. Può capitare di sedersi al bancone di fianco a un Millebocche di Knuph, il più fenomenale conversatore da bar dell'Universo, oppure avere la sfortuna di sgomitare un Coshì, popolazione di pescatori ballisiti che vi ammorberà con la storia dell'ultima stella cadente che ha catturato nel Mare Luminoso, aumentando immancabilmente dimensioni e peso.

Dietro il bancone del M'Akkamp'oh Bar, c'è la famosissima coppia di baristi acrobatici gemelli siamesi terrestri: Natalino e Klaus. La loro particolarità è di essere nati l'uno in Calabria e l'altro in Trentino, non sono apparentemente uniti da nessuna parte del corpo, ma sono siamesi perché hanno i centri nervosi, neuronali, sensoriali scambiati. Infatti spesso, quando litigano Natalino si tira un pugno in faccia e Klaus stramazza al suolo, quindi questi si da una manata sulle parti basse e Natalino rimane senza fiato. Se ordini qualcosa a Klaus, sarà Natalino a portartela, e viceversa. E' l'unica coppia di baristi acrobatici che litiga perché l'altro ci provi con le clienti. La loro vita è un inferno, ma i cocktail e i caffé che preparano sono magici.

Eccone alcuni:

Caffé Universale
Studiato in anni di perfezionamenti per soddisfare qualsiasi bevitore di caffé, viene servito come segue.

Una tazza piccola in piattino grande con una goccia di caffé e acqua calda a parte con seicento bustine di altrettanti differenti tipi di zucchero, dal dietetico al burlone (in relatà è sale), fornelletto per scaldare la tazzina, reagente chimico B43 per trasformarla da tazzina di ceramica in tazzina di vetro, venti bricchi di latte di temperatura diversa dal freddo polare all'inferno dantesco.

La tazzina è talmente surclassata dalla varietà e quantità di gadget e opzioni, che trovarla diventa un'impresa. Si narra di un cliente che per fare lo spiritoso abbia chiesto, un giorno: "Scusi, mi ci mette dentro un cioccolatino?". Il cliente non l'hanno più trovato, ma da quel giorno, per almeno una settimana, gli antipasti sono stati abbastanza ricchi.

Achtung Bear!
Birra tedesca molto pericolosa. Viene servita da un Orso Grigio che solitamente sbrana il cliente, se inesperto e sotto la taglia media dei Koloss, abitanti del pianeta Kolossum, che amano usare gli orsi grigi come noccioline.

Tequila Kabum
1/4 di tequila
1/4 glicerina
2/4 di nitrato di sodio
Uno shaker

Il cliente versa il tutto nello shaker e agita. Poi solitamente non fa più niente. Senza braccia non è facile.

Il menu del M'Akkamp'oh Bar è ricco di decine di altre prelibatezze, anche da mangiare, come il Panino Ridens, all'apparenza un normalissimo tramezzino con il prosciutto, che in realtà è una creatura aliena che racconterà una serie di barzellette irresistibili, rendendo impossibile mangiarlo, vuooi per la simpatia, vuoi per i crampi alla mascella.

Arrivare al M'Akkamp'oh Bar è facilissimo. Già dopo la terza fascia gravitazionale ci sono le indicazioni. Si prende la A1 in direzione Piacenza, e si va sempre dritti.

Filed under: racconti