Mese: dicembre 2013

Lobbista beccato alla camera dal M5S. Ma se blocco le pubblicità, il video non posso vederlo.

Caro signor Grillo.
Io sono anche disposto a "farmi informare", su quellocheigiornalinondicono e su quellochelatvnontifavedere, ma mi piacerebbe farlo senza l'obbligo di visualizzare i banner pubblicitari, perché, seriamente, il suo sito ne è pieno fino a renderlo quasi illeggibile e pesantissimo da caricare.

Che poi, Adblock impedisce la visualizzazione ma a livello di browser, quindi vi preclude i guadagni relativi ai click sui banner, sui quali in ogni caso non cliccherei, ma non quelli sulla visualizzazione. E' una cosa mia, che preferisco navigare il web senza vederli.

Se si trattasse di contenuti artistici, di un suo spettacolo o di qualsiasi tipo di contenuto, non avrei nulla da eccepire, ma in questo caso parliamo di un contenuto che riguarda la vita civile, che potrebbe contribuire al mio processo di formazione di un'opinione politica, e credo che questo tipo di contenuti non dovrebbe essere soggetto a un dazio commerciale,
altrimenti mi verrebbe da pensare che il senso del "non ricevere finanziamenti" non è basarsi sulle donazioni dei propri elettori, come pensavo, ma invece è "far diventare un prodotto commerciale anche la comunicazione politica".

Insomma, questo lobbista non posso vedere né chi sia, né cosa dica.
Che faccio, mi fido sulla parola?
Sono sicuro che la risposta sarà: sì, fidati.
Vabbeh.

p.s.: per chi sia già pronto a digitare "e i 2 euro delle primarie del PD?": io non ho mai votato alle primarie del PD, anche se c'entra un po' un cazzo con quello che ho scritto.

p.p.s.: sì, ci sono un paio di banner anche qui, della piattaforma blog che mi ospita. Ma se attivi adblock il blog lo leggi lo stesso. E ci mancherebbe

Lobbista beccato alla camera dal M5S. Ma se blocco le pubblicità, il video non posso vederlo.
Filed under: politica, volare e potare

Mi ha scritto la Polizia Postale

Notifica nuova mail

Mittente: polizia postale

Uhm.
Non aprirla.
Vai sul server, controlla le intestazioni e gli IP, prima di aprirla.
Sì tutto corrisponde, non è un fake.
Non c'è allegato.
Non è phishing.

Ok, calma.
Estrai gli hard disk.
Apri la botola con l'altoforno d'emergenza.
Butta dentro gli hard disk.
Apri la cassaforte.
Estrai la chiave col codice di attivazione.
Inserisci il codice e conferma il programma "nuclearizzazione globale totale".
Attiva la manopola della temperatura sul livello "esplosione solare".
Estrai gli hard disk carbonizzati e prendili a mazzate fino a sbriciolarli.
Disperdi i pezzi lungo l'argine dell'Adda fino all'immissione nel Po.
Scarta gli hard disk nuovi di emergenza.
Reinstalla Linux.
Metti come sfondo dei fiorellini.
Imposta screen saver scritta rotante 3D comic sans "I [cuoricino] software originale o al massimo opensource".
Metti "mi piace" al video che dice "Downloading movies is stealing".
Ok, ora apri la mail.

"La polizia postale ti augura buone feste!".

C'ho i #nerviappezzi.

Filed under: volare e potare

“Libertà è intimidazione”

La rivolta dei forconi si può riassumere in questo bel tweet

E in questo video

"Libertà è intimidazione"
Filed under: politica, volare e potare

Lettera aperta a Le Iene

Cara redazione de Le Iene,
ho inventato un metodo, che chiamerò "Mimmo", dove prendi un malato terminale, lo metti a caso dentro l'acceleratore del CERN, mentre all'altro capo metti delle cellule staminali fatte in casa (mia nonna le coltiva a terra a Cerro al Lambro, quindi sono BIO).
Accendi il macchinario (però prima devi spegnere la lavatrice, altrimenti salta il contatore) e acceleri a cannone il malato.
Quando raggiunge la velocità di Mach3, spari dentro in senso contrario le cellule staminali e le fai scontrare con il lungo-degente. L'impatto genera delle radiazioni di simpatia e anche un po' di antimateria (a km zero).

Si tratta di malati per i quali non c'è una cura ufficiale, quindi vale tutto, puoi anche scherzarli mentre prendono velocità, anzi, loro sono contenti che li tratti con disinvoltura nonostante la malattia.

Ora, il malato non è che guarisce, ma rispetto a prima della cura alcuni dicono di aver provato sensazioni piacevoli.

La cura costa un po', sui tre milioni di euro a seduta, perché purtroppo a Ginevra sono un po' di chiappe strette sugli sconti (svizzeri di merda).

Volevo chiedervi se gentilmente potreste fare un servizio sul mio metodo, che non ha nulla da invidiare ad altri metodi, e fare in modo che il governo italiano stanzi dei fondi a babbo morto.

Ho anche la documentazione scientifica che vado qui ad allegare:

Lettera aperta a Le Iene

Nel ringraziarvi cordialmente per il tempo che avrete voluto eventualmente dedicare alla lettura di questa mia umile missiva, e nel farvi i miei complimenti per la trasmissione, mi è gradita l'occasione di porgere i miei più distinti ossequi.

Fra

(Curriculum completo: diplomato al liceo classico con 42/60, ho fatto un anno di Lettere Moderne indirizzo Storia e Critica del cinema, poi al primo esame ho litigato col prof di Storia del Cinema e mi sono detto: "vabbeh, cambio facoltà", quindi ho fatto un altro anno e mezzo di Filosofia; poi visto che i miei si sono accorti che era da nove mesi che tenevo il manuale del corso di Filosofia del Linguaggio aperto fisso a pagina 435, ho abbandonato l'università e mi sono messo a lavorare, quindi non vedo chi possa avere più competenze di me nel campo delle cellule)

Filed under: volare e potare