Categoria: copincolla

Il tempismo perfetto della lettera della prof. a cui il padre chiede di bocciare il figlio per un contratto di #lavoro

Stamattina la lettera della Prof. viene pubblicata da Repubblica, dalla Stampa, sia online che su carta, e nella rubrica buongiornosa di Gramellini.

Diventa quindi virale e la pubblicano e condividono un po' tutti, sui socialcosi e sui blog.

Qualche dubbio, sul fatto che sia vera, ce l'ho. Lasciando perdere il fatto che non è reale il caso, perché nasce da un'interpretazione casuale di un decreto anch'esso casuale.

Per carità, può sempre essere, eh?

Ma mettendo in fila alcune cose, mi sorgono dei dubbi:

1. I provvedimenti e le varie interpretazioni isteriche risalgono pressappoco a ieri pomeriggio, compreso il post di Grillo, la replica di Letta e il post di Grillo che viene modificato e ammorbidito.

2. Nel pomeriggio la pizzeria contatta il padre, quindi, e gli chiede di far bocciare il figlio, altrimenti non possono assumerlo.

3. Il padre, mettiamo che non abbia avuto neanche un attimo di dubbio di coscienza, chiama l'insegnante e le fa la scandalosa proposta.

4. L'insegnante scrive alle redazioni de La Stampa e di Repubblica e non solo viene letta e selezionata tra le centinaia di mail che le redazioni ricevono ogni giorno, ma anche in tempo utile per finire sul cartaceo.

La prima cosa che mi viene in mente è: che culo, Professoressa, se è in ascolto mi manda i primi sei numeri che le vengono in mente? Grazie. Usi pure il form di contatto che c'è alla voce "Scrivimi!" nel menu in alto.

La seconda è: quanto è assurda una situazione nella quale un padre preferisce che il figlio, bravo, coscienzioso e capace di destreggiarsi tra scuola e lavoro venga bocciato alla maturità per una promessa di assunzione e in più l'insegnante abbia anche il dubbio su cosa sia giusto fare, quando nessun insegnante perderebbe neanche un secondo e deciderebbe di far ragionare il padre, perché la scusa "tanto la maturità la prende l'anno prossimo" è ancora più assurda di tutto il resto dell'impianto?

E' per questi motivi che la lettera, bella, scritta bene e anche commovente a tratti, pare più l'opera di un bravo copywriter.

Poi, per carità, se è vera mi propongo di scrivere gratuitamente una sceneggiatura per una serie TV intitolata "Cuore 2.0", perché davvero mi si stava spezzando il muscolo cardiaco.

Il tempismo perfetto della lettera della prof. a cui il padre chiede di bocciare il figlio per un contratto di #lavoro

Ah, se a qualcuno stesse venendo in mente che io stia difendendo il Decreto Lavoro, vorrei solo aggiungere un mio tweet di qualche giorno fa per chiarire cosa ne pensi a riguardo.

Ciriciao, gente!

update: Come volevasi dimostrare. Il Post pubblica la conferma della falsità della lettera. Niente da fare: il fiuto per le cazzate è troppo allenato. ;)

Filed under: copincolla, giornalismoTagged with: