Categoria: governo

2013: Odissea nello Stato

2013: Odissea nello Stato

REPORT DI FINE TEST

Buongiorno, Signori, il mio nome è DC 9000.
Sono il più avanzato supercomputer politico mai concepito dall'uomo. La mia peculiarità è quella di essere progettato per funzionare anche se smembrato in milioni di pezzi.
Sono stato messo in funzione l'11 febbraio del 1929 e successivamente perfezionato sempre di più, in modo da essere sempre più indipendente dalla struttura politica e partitica dello Stato, continuando a governare assorbendone le risorse.
La più dura prova del test decennale appena concluso, test che è iniziato con la crisi dei partiti della cosiddetta Prima Repubblica, è stata brillantemente superata nonostante la nascita di tecnologie non ipotizzabili un trentennio fa.
È quindi con grande soddisfazione che possiamo decretare la vittoria del modello democristiano su qualsiasi tipo di avvenimento politico, economico e sociale, anche nell'arco di periodi mediamente lunghi.
In particolare, notiamo come la sostituzione di un Pontefice poco popolare con uno molto più adatto allo Spirito dei tempi, sia stata una mossa azzeccata oltre che ampiamente prevista dal perfetto ciclo di calcolo di DC 9000. Così come la nascita di forze politiche più estremiste e intransigenti, che hanno portato a un isolamento dei riformatori e a un riaggregarsi dei conservatori.
Potete verificare come tutto sia avvenuto nei tempi e nei modi previsti, confrontando il precedente report, in copia davanti a voi sul tavolo presso il quale sedete.
È ora quindi possibile dare l'avvio alla fase successiva, detta del Consolidamento.

L'appuntamento con il prossimo report è quindi a tra cento anni esatti a partire da ora.

Filed under: governo, politicaTagged with: ,

Copyleft e OpenData: un Pesce d’Aprile efficace ma anche utile

Copyleft e OpenData: un Pesce d'Aprile efficace ma anche utile

Ieri tra i vari pesci d'aprile online, ce n'è stato uno che è stato più efficace di altri, in un certo senso sicuramente più "dadaista" perché meno fine a se stesso e più volto ad alimentare un dibattito sicuramente produttivo.

L'ha eaborato Simone Aliprandi, esperto di diritto digitale, con il suo post "Finalmente abolito il copyright sui contenuti prodotti con fondi pubblici".

Nell'articolo si dà la falsa notizia che una delle prime attuazioni dei "saggi" sia quella di portare chiarezza in una legge, quella sul copyright, che attualmente può essere facilmente interpretata in senso restrittivo e impedire quindi l'uso di banche dati e contenuti che potrebbero (e dovrebbero) tranquillamente essere di dominio pubblico (stradari, orari di apertura di uffici pubblici, orari di mezzi di trasporto, dati catastali, ecc…), mentre invece attualmente si rischia di incappare in problemi legali dovuti al fatto che gli articoli 5 e 11 della stessa Legge sembrano in contrasto l'uno con l'altro.

In un'ottica di semplificazione, chiarire certi aspetti renderebbe sicuramente più agevole qualsiasi passo avanti nel mondo dell'Open Data.

L'articolo di Simone, è stato anche ritwittato dall'account ufficale del Governo per i dati aperti, @DatiGovIt

Copyleft e OpenData: un Pesce d'Aprile efficace ma anche utile

Che, se non è un lapsus, sicuramente è un bell'endorsement per un articolo che è una burla, ma che ha il merito di portare un po' di attenzione su un argomento che non ha certamente la priorità su problematiche più pressanti, ma che sicuramente non va perso di vista, perché rientra tutto, e anzi è fondamentale, nel capitolo "trasparenza".

Un "bravo" a Simone Aliprandi, perché la differenza che c'è tra lo "scherzo" fine a se stesso e la satira, passa anche dalle parti di un'operazione del genere.

Filed under: governo, satiraTagged with: ,

Il mandato esplorativo

Ieri Napolitano mi ha dato un mandato esplorativo per formare il nuovo Governo.

Il mandato esplorativo consiste nel farsi paracadutare dentro Montecitorio e vedere un po' se si sopravvive. Un po' come fa quel tizio scemo nord-irlandese della TV, Bear Qualcosa, che si lancia dai dirupi a cazzo di cane, mangia mmerda e limona duro con serpenti velenosi (senza poi neanche mandare loro un sms la mattina dopo), però poi pensi: vabbeh, ma il cameraman che lo segue fa le stesse cose pure con l'attrezzatura addosso, un po' come Ginger Rogers che faceva gli stessi passi di Fred Astaire ma sulle zeppe alte.

Ma non divaghiamo. Il compito più difficile sarà quello di incontrare Grillo. Mica per altro, il problema è che dobbiamo far rimuovere tutti gli specchi dalle stanze perché quello è come un gattino incazzato, appena passa e si vede riflesso fa la gobba, soffia e fa una coda grossa così, giuro. Quindi abbiamo allestito una stanza dove lo riceverò, con colori rilassanti, wifi che prende benissimo, un po' di tablet sparsi in giro per dare quell'impressione lì che sia tutto duepuntozzero, fontanelle di acqua potabile e alcuni paggetti che al suo passaggio spargeranno pannelli solari. Sul tavolo della stanza mettiamo anche un vassoio con dentro dei grillini dissidenti, così se ne ha voglia ne sgranocchia qualcuno, ne è particolarmente ghiotto.

Bersani mi ha già chiamato dicendo che gli va bene tutto. Allora, visto che c'ero, gli ho detto di lavarmi l'auto. Ha accettato con entusiasmo. Una commessa di Montecitorio, vedendolo così azzerbinato, ha deciso di prenderlo in casa anche se ci sarà da discutere col marito su chi deve portarlo fuori la mattina presto.

Monti mi ha preso da parte e mi ha fatto un discorso. Era seduto davanti a un camino con il plaid sulle ginocchia e ogni tanto si piegava di lato e petava. La cosa mi ha intenerito perché mi ha ricordato un po' mio nonno. Alla fine mentre mi parlava io stavo pensando ai cazzi miei, dicevo "sì sì" perché poi gli anziani se la prendono se capiscono che non li stai ascoltando, ma, se devo essere sincero, non mi ricordo niente.
Ricordo solo che alla fine mi ha chiesto se avevo la fidanzata e mi ha dato 50 euro per portarla fuori a cena, poi si è addormentato.

A un certo punto mi hanno detto che mi cercava al telefono Fini ma gli ho fatto rispondere che non compriamo nulla. Appena ho tempo vado su Wikipedia a vedere chi cazzo è 'sto Fini.

Berlusconi lo lascio per ultimo perché si sta facendo installare un catetere con il tubo del 12 dato che dopo deve andare a un rave party di 48 ore e non è che può stare lì ad andare a pisciare ogni due minuti.

P.s.: ho visto su Wikipedia e alla voce "Fini" c'è scritto "ottimo politico".

Il mandato esplorativo
Filed under: governo, politicaTagged with: , , , , , ,