Categoria: guerra

Spese militari inutili, #F35 e agricoltura dura

Leggevo la ciclica polemica per chiedere al governo di non comperare tot aerei F35 (o Fqualcosa).

Anche io sono convinto che sia una spesa inutile.

Considerando che un F35 costa sui 60 milioni di euro, con i soldi di un caccia ci si comprano un migliaio di mietitrebbie e/o altri mezzi agricoli pesanti.

Che volendo possono anche essere usate come armi, perché metti che vuoi invadere un Paese a caso, tu piazzi sul confine quindici o sedici milioni di mietitrebbie accese con un mattone sul pedale dell'acceleratore e le lasci andare, così, senza pilota.

Tipo dei droni agricoli artigianali.

Torni dopo un mese e secondo me in quel Paese non c'è più niente. Se c'è ancora qualcosa, costruisci delle catapulte che lanciano i mezzi agricoli a caso nel Paese dove esportare la democrazia ed è fatta.

Nella foto seguente un test militare condotto in Abruzzo, dove un trattore con rimorchio è stato lanciato a casaccio contro delle pecore volontarie.

Spese militari inutili, #F35 e agricoltura dura

Inoltre l'F15 quando è a riposo a terra, è una spesa inutile, non puoi usarlo per trainare un vibrocultor, del quale abbiamo una diapositiva:

Spese militari inutili, #F35 e agricoltura dura

O meglio, ci sono stati dei test in merito, che non hanno dato i risultati sperati: attaccato uno di quei cosi in un campo dalle parti di Lodi (LO) ad un F35 senza ali (perché in un test precedente il caccia è decollato a tradimento e hanno ritrovato il vibrocultor alle Isole Vanuatu, dove ora una tribù venera il Grande Aratro Caduto Dal Cielo), il pilota non è stato delicato nel dare gas ed è partito a Mach 1,7 (poco più di 2000 km/h) e quando si è fermato aveva pettinato fino al casello di Piacenza Sud tutto quello che aveva trovato, compreso Platinette che stava prendendo il sole sullle rive del Trebbia.

Inoltre potrebbero essere arruolati migliaia di agricoltori e agrimensori attualmente disoccupati.

Secondo me questo pezzo (scomodo) non è solo una sterile polemica sui costi ma è più una critica costruttiva e propositiva.

Filed under: guerra, politicaTagged with: ,