Categoria: pettirossi

Eliminare il 99% delle polemiche

Oggi dirò una cosa banale.
Non che non ne dica spesso, anzi. Solo che a volte mi piace mascherarle da storie, personaggi, mondi, perché le cose mi annoiano spesso, a partire da quelle che ho in testa.

L'ultima polemica che ho letto riguarda i ristoranti "no-kids", ristoranti nei quali è vietato l'ingresso ai bambini. Ovviamente molti se la sono presa, ma quando ho deciso di capire quale opinione ne avessi, ho cercato di mettermi nella testa di un bambino e il risultato è che dopo due secondi stavo cercando di parlare a un ragnetto che è passato sulla mia scrivania.
Il risultato, quindi è che non me ne importa un cazzo.
Questo vuol dire che non ne ho un'opinione, a riguardo?
Non precisamente. Potrei averla. Forse un giorno dovrò averla. Ma per oggi, non mi pare vitale avere un'opinione in merito, perché non è un problema mio.

Insomma, non sono cazzi miei.
Se dovessi organizzare una cena con amici con figli, non sceglierei certo quel ristorante. Alternativamente, potrei provarlo in altre occasioni. Insomma, sono cazzi del gestore, che si toglie una fetta di mercato per politiche sue, che non ledono le mie.
Il giorno che avrò un figlio, lo porterò in un altro ristorante.
Quindi è probabile che la cosa non rientrerà tra "i cazzi miei" neanche quando avrò un figlio, a ben vedere, ma non si può mai sapere, magari per allora vorrò avere un'opinione a tutti i costi.

Immediatamente mi sono messo a pensare a molte altre polemiche, anche più serie, e ho trovato che "non sono cazzi miei" è cominciata ad essere una risposta risolutiva nella maggior parte dei casi nei quali provo a mettermi nella testa di chi voglia polemizzare.

Il Paese X ha deciso di istituire il matrimonio tra omosessuali, polemica!

Ragionamento:

– sono omosessuale, io?
No
– considero il matrimonio un'istituzione indispensabile per amarsi?
Io no, ma anche se lo considerassi tale, non ha importanza
– se fossi in quel paese, sarei costretto a sposarmi con un'altra persona, per via di questa legge?
No
– La gente a cui dà fastidio, viene costretta con la forza a sposarsi con persone dello stesso sesso?
No
– Quindi la legge non lede alcun diritto umano fondamentale?
No

Soluzione: non sono cazzi miei.
Apparentemente non sono cazzi neanche di chiunque possa osteggiare la scelta di un matrimonio omosessuale.
Avanti un altro.

C'è gente che vorrebbe il diritto all'eutanasia, polemica!

Ragionamento:
– mi trovo nella condizione di scegliere tra vita e morte?
No
– l'eutanasia mi verrebbe applicata contro la mia volontà?
No

– il corpo di chi voglia eventualmente avere diritto all'eutanasia è mio?
No
– Una persona contraria all'eutanasia, verrebbe costretta a forza a ricorrevi?
No
– Quindi un diritto del genere non lederebbe alcun diritto umano fondamentale?
No

Soluzione: sono cazzi esclusivamente personali, non miei.

Che una persona sia contraria alla volontà di altri di avere il diritto all'eutanasia o a una unione in matrimonio, non dovrebbe essere classificata come discussione riguardo un problema "morale", ma semplicemente essere incasellata come "gente che non si fa i cazzi propri e lo fa in pubblico, a volte anche orgogliosamente" e liquidata così.

Forse il farsi i cazzi degli altri andrebbe vietato, ma non ho ancora un'opinione, a riguardo, perché generalmente non me li faccio.
Forse da qualche parte c'è scritto che farsi i cazzi degli altri è cosa buona e giusta.
Dovrei provare a mettermi nella testa stretta di chi se li fa, per capire.
Ma non oggi.

Eliminare il 99% delle polemiche
Filed under: pettirossi, volare e potareTagged with: ,