Categoria: poesie

Poesia sull’inadeguatezza

Ogni volta succede.

Il cameriere chiede: chi assaggia?

I commensali vigliacchi indicano: lui.

Me.

Perché io?

Si avvicina.

Mi goccia un goccio di vino.

Mi osservano:

1. i commensali di cui sopra (quelli con cui mangio)

2. il cameriere

3. la bottiglia

Potrei dire che sa di tappo.

Ma che sapore ha il tappo?

E se il tappo era di silicone?

Che sapore ha il silicone?

Non lo so, mentre il sudore

si cala

dalla mia tempia.

Non lo so, ho avuto solo

fidanzate con tette naturali.

Mi osservano:

1. i vigliacchi

2. l'ordine nazionale dei camerieri

3. l'etichetta della bottiglia

4. la storia

In un momento, sono nel deserto.

Al confine col Messico.

Mi osservano:

1. i gringo coi mitra puntati

2. lo spacciatore internazionale

3. il sacchettino di cocaina bucato col coltello

4. Batman

Odoro e assaggio.

Tanto per fare qualcosa.

Dico con gli occhi e la testa: va bene.

I sorrisi si distendono.

I mitra si abbassano.

Ora spero solo che nessuno

nessuno

sappia che sapore abbiano

tette di sughero

o silicone.

Filed under: poesie, volare e potare

Poesia per l’Umanità

dedicata a Mario Marenco.

Cara vecchia umanità,

quanto tempo è passato

dai meteoriti che trasformarono

i dinosauri in galline?

Più o meno qualche miglione di anni

che però in euro sono molti meno.

Tu sei molto ingenua

perché credi a tutti gli stronzi

di passaggio

che ti hanno promesso qualcosa.

Ti esalti

per il 12/12/12 alle 12.12

perché ti dicono che non capiterà più

e poi il prossimo anno ti esalterai

per il 11/12/13 alle 14.15

e l'anno dopo

ne troveranno un'altra.

Ma ti faccio una domanda:

quando c'erano i tirannosauri

loro mica avevano il calendario

con le date curiose,

quindi come facevano a predificare

l'armagheddon?

Mica potevano dire:

"Domani è il ghhar/ghhar/ghhar"

Eppure hanno stirato le zampe

lo stesso.

Quindi è inutile che fai calcoli,

cara umanità, perché

queste cose vanno di sfiga

e sicuramente se dovrà succedere qualcosa

succederà in una data del cazzo,

tipo il 12 agosto 2076 alle 14.27

o giù di lì.

Filed under: finedelmondo, poesieTagged with: