Categoria: zuckerberg

Caro Zuckerberg – il carteggio con il mio arci-nemico

Caro Zuckerberg,

ho deciso di raccogliere qui il nostro carteggio, o meglio, il MIO carteggio con te, visto che non rispondi mai, per lasciare una traccia della nostra storia, e perché il mondo sappia.

Tutti sanno che nel 2004, dopo quella competizione al college a chi mangiava più arrosticini e beveva più birra, completamente ubriaco ti dissi:

– Sarebbe bello fare un sito sulle tonalità bluette.

Il resto è storia, tu mi hai rubato l'idea del sito bluette e sei diventato miliardario. Ma io non me la presi, quell'incidente alla presentazione di Facebook fu solo uno scherzetto innocente.

Caro Zuckerberg - il carteggio con il mio arci-nemico

Solo che tu cominciasti a odiarmi e a fare cose al solo scopo di infastidirmi. Per esempio, il 31 Ottobre del 2011 ti scrissi:

Caro Mark Zuckerberg.
Io lo so che tu mi odi, mi vedi come il tuo grande rivale e cose così, ma ti chiedo gentilmente di rendere la mia bacheca più adatta alla mia strabordante personalità e al mio enorme egocentrismo. Il riquadro qui a destra, "Persone che potresti conoscere", mi infastidisce. Per favore, correggilo in "Persone che potrebbero conoscerti". E nelle loro bacheche fai apparire il mio nome in Time New Roman 74 grassetto sottolineato. Grazie, sono convinto che non ci sarà bisogno di andare per avvocati.

Facebook

Ma tu ignorasti questa, così come altre sensatissime mie richieste:

Caro Zuckerberg,
ti chiederei cortesemente di inserire un algoritmo che alla pressione di un pulsante produca delle focaccine calde. In questo modo il tuo sito diventerebbe finalmente utile.
Grazie.
Il tuo nemico, Fra.

Facebook

ti ricordi poi la quotazione in borsa? La facesti subito dopo un mio annuncio, nel Febbraio 2012.

Ho deciso di anticipare Zuckerberg e quotare il mio profilo Facebook alla Borsa di Machu Picchu. Ho messo giù qualcosa come 150mila azioni da 0.0001 Nuovo Sol l'una. Un Nuovo Sol peruviano vale qualcosa come 20 centesimi, quindi fate voi i conti. Praticamente con 3 euro diventate azionisti di riferimento del mio profilo. Vi consiglio però di differenziare gli investimenti, e comperare anche azioni del profilo di Fabio Volo (è quotato da anni, alla borsa Peruviana), così se vado giù io sapete che sale lui e viceversa.

Facebook

E' stato poi molto brutto, da parte tua, sospettare di me in continuazione. Ricordo quello che ti scrissi nel gennaio 2012:

Caro Zuckerberg,
ho letto che hanno violato il tuo account di facebook. Il giornalista era pure un ignorante che si stracciava le vesti dicendo "se non è sicuro il suo profilo allora moriremo tutti" e cose del genere, insomma il solito tizio che scrive articoli tecnologici ma che la cosa più tecnologica che conosce è il tostapane, in Italia ci sono più giornalisti tech, oramai, che lettori. Quello che volevo dire è che io non ho detto a nessuno che la tua password era "12345678", quindi non guardare me. Lo so che mi odi e tutto il resto, ma un tiro così basso non te lo avrei mai fatto.
Non ho detto a nessuno neanche che soffri di meteorismo e hai l'alito tridimensionale.
Con immutato affetto. Tuo, Fra

Facebook

Nonostante il tuo continuare ad ignorarmi, ti sono stato vicino con proposte, idee e offerte commerciali anche nei momenti più difficili:

Caro Zuckerberg,
sono sempre io, il tuo acerrimo nemico Fra.
Oramai Facebook sta perdendo pezzi da tutte le parti: le azioni vanno male, l'applicazione per i dispositivi mobili è seconda in bruttezza e inusabilità solo a Gasparri, i contatori di amici, contatti, "like", risposte e condivisioni oramai sono generatori casuali di numeri per il superenalotto. E' chiaro che qualcosa ti sta sfuggendo di mano. Quindi io ti faccio ora la mia offerta: ti do 50 euro – prendere o lasciare – e tu mi cedi il pacchetto di controllo, così potremo trasformare Facebook in un parcheggio.
Dai retta a me: su Internet c'è tutto ma non c'è mai un parcheggio.
Coi parcheggi sfondi sul mercato.
Lasciati servire.
Ciao eh.
Tuo, Fra

Facebook

E come mi hai ringraziato? Cercando di screditarmi con del becero dossieraggio. Sulla mia bacheca di Facebook, infatti, a un certo punto è comparso questo:

Caro Zuckerberg - il carteggio con il mio arci-nemico

Ok, ero ad Arcore, ma erano solo cene eleganti!

Maledetto.

Ti ricordo comunque che mancano all'appello altre richieste che ti faccio da tempo:

– il tastino "Non mi piace"

– il tastino "Sì, vabbeh, mi garba ma non è che mi sto pisciando sotto come un cane".

– La sezione "Nemici" (così potrai finalmente aggiungermi invece di spiarmi di nascosto)

Con immutata stima.

Il tuo nemico.

Fra

Filed under: volare e potare, zuckerbergTagged with: ,

L’amministrazione arbitraria di Facebook

Caro Zuckerberg,

stavolta sono un po' incazzato.

Le immaigni qui sotto sono, in sequenza, dei messaggi comparsi all'improvviso mentre usavo il tuo sito blu.

Partiamo dal primo.

Io non ho pubblicato né foto di nudo, mai, né altre foto che violino lo "standard" della comunità. A meno che, ovviamente, tu non abbia inserito negli standard che la mia faccia sia un'immagine inappropriata, allora ti darei anche ragione, ma dillo chiaramente.

Comunque, si può premere solo "OK".

Fantastico.

L'amministrazione arbitraria di Facebook

Prima di arrivare allo Step 2, parliamo di uno step tra l'uno e il due che non ho fotografato: la lista delle mie foto. Ero obbligato a sceglierne almeno una da rimuovere. Non trovando neanche una foto scnadalosa da rimuovere, ho cancellato un'immagine dei Simspon. Ho pensato: magari stavo violando il copiràit dei Simpson. In ogni caso, sfido chiunque a trovare immagini vietate tra quelle che ho pubblicato.

Ho quindi eliminato quell'immagine, altrimenti non sarebbe stato possibile procedere.

Arriviamo allo Step 2.

L'amministrazione arbitraria di Facebook

Ecco, visto che ne ho cancellata una, allora implicitamente io ammetto, nella vostra logica del cazzo, di aver caricato contenuto inappropriato. Quindi mi blocchi l'upload per tre giorni. Tre giorni in castigo dietro la lavagna.

Avessi messo una minchia di pulsantino "No, guarda che non ho caricato nulla di male, e se l'ho fatto ditemi dove", la cosa avrebbe assunto dei contorni forse più umani.

Vabbeh, comunque, per tre giorni non caricherò immagini.

Step 3.

L'amministrazione arbitraria di Facebook

Cosa succederà al prossimo accesso? Cosa vuol dire che dovrò "rivedere la lista di amici" e "rimuovendo dalla lista di amici le persone che non conosci o […] che pubblicano contenuti che violano i nostri standard"?

Che al prossimo accesso mi costringerai a rimuovere almeno un contatto, così come mi hai costretto a rimuovere almeno una foto, segnalando quel contatto?

Ora mi informerò meglio, caro Zuckerberg, perché sono abituato che se mi devo incazzare, devo anche essere sicuro di essere nel giusto.

Sicuramente qualche algoritmo scritto male mi ha fatto saltare fuori questa procedura, ma se è saltata fuori a me che non ho neanche il fisico per farmi foto sexy in bikini, chissà cosa starà succedendo in giro per i profili.

In ogni caso, la mancanza della possibilità di segnalarvi che forse state sbagliando, già di suo mi ha indisposto. Si chiama "customer care".

So che è gratis e mi devo adattare, non sono uno di quegli utenti che pensa che tutto sia dovuto, ma sono anche convinto di comportarmi bene e secondo le regole.

Questa mia rimostranza so benissimo che è come un moscerino sul parabrezza del tuo autotreno, ma se al prossimo accesso mi accorgerò che, come per le immagini, non avrò altra scelta, allora non ci sarà un mio prossimo accesso.

Ciao roscio.

Con affetto

Fra

Filed under: facebook, zuckerbergTagged with: ,

Lettera aperta a #Zuckerberg: le emoticon.

Caro Zuckerberg,

Mi sveglio stamane e leggo che facebook ha introdotto le emoticon grafiche nei commenti —> :)

Come al solito non hai seguito il mio consiglio di adottare le mie fantastiche emoticon al contrario —–> (:

Ebbene, come ho già spiegato, le emoticon classiche, presentano una gamma di espressività limitate.

Ecco il confronto:

Emoticon normali:

:) ——> Sono contento!

:D ——> Sorrido gaudente!

;) ——> Ammicco maliardo!

: ——> C'è del disappunto in me!

:O ——> Basisco!

:o ——> Basisco più discretamente!

:* ——> Ti elargisco un bacetto!

Emoticon inventate da me al contrario:

(: ——–> Ho della contentezza in me ammantata di misterioso fascino!

D: ——-> Non potendo sorridere gaudente covo una rabbia indescrivibile!

(; ——-> Ammicco maliardo e ammantato di misterioso fascino!

/: ——-> Giudizio Sintetico a priori!

: ——-> Giudizio Analitico a posteriori!

O: ——-> L'inconcepibilità mi colpisce!

o: ——-> E' strano ma plausibile!

*: ——-> Limoniamo come se non ci fosse un domani!

|=:7 —–> Adolf Hitler

|:7 ——> John F. Kennedy prima dell'attentato

dX# ——> John F. Kennedy dopo l'attentato

Ma il problema è anche un altro.

Se tu le trasformi in grafica, appesantisci la Rete, quindi i tuoi server a turbonafta consumeranno più gasolio, mentre le emoticon al contrario sono leggere ed ecosostenibili, possono essere alimentate anche solo con dei coniglietti collegati ad elettrodi.

Quindi poi non ti lamentare se facebook ti va lento.

Io sono stufo di darti consigli che non ascolti solo perché sei invidioso di me.

Ti odio ma con rispetto.

Fra

Filed under: lettere aperte, zuckerberg