Tag: PD

La formula per un blog di successo (e un piano B)

Ho letto decine di interessanti articoli su come aumentare visite al proprio sito attraverso un uso diligente del codice, una corretta scelta delle condivisioni sui social, una trattazione originale e un'esposizione chiara, il tutto condito da qualche infografica.

Avevano, tutti sommati, meno visite, like e condivisioni di un articolo dove si parla di uno qualunque degli argomenti "tiravisite": tette (rifatte vs naturali), gattini, Beppe Grillo, M5S, Berlusconi, PD spaccato, Papa Francesco e Lady Gaga che lecca rospi su un F35 che produce scie chimiche.

Di seguito, una infografica hipster e tendenzialmente metrosessuale che indica la formula certa per il successo.
Con anche un "Piano B".
Qualsiasi nerd ha sempre un piano B.

La formula per un blog di successo (e un piano B)
Filed under: gattini, Tette (rifatte vs naturali)Tagged with: , , , ,

Perché Alfano non può dire “Io non sapevo”: #Art95

Questi tempi così bui ci lasciano, ad ogni nuovo scandalo della politica Italiana, solo una certezza: che la nostra Costituzione è davvero bella.
E' forse una magra consolazione, visto che quasi regolarmente viene disattesa o ignorata, ma anche oggi, con lo scandalo kazako che ci proietta direttamente in una dimensione nuova, quella del Paese che mette le proprie strutture a disposizione di una dittatura straniera, con il sacrificio del capro espiatorio Procaccini, anche oggi possiamo dire che la Costituzione ci dà una certezza: Alfano non può cavarsela con un "non sapevo". Non può farlo lui come nessun altro Ministro della Repubblica di fronte a un qualsiasi atto avvenuto all'interno del proprio Ministero.
E' un principio semplice: quello della responsabilità oggettiva. Un principio che, come al solito, viene applicato in molti ambiti (un amministratore delegato è penalmente responsabile di ciò che avviene nella sua azienda), ma al quale la politica sfugge.
L'articolo 95, come molti altri articoli, è semplice, non equivocabile:

Il Presidente del Consiglio dei ministri dirige la politica generale del Governo e ne è responsabile. Mantiene l'unità di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando l'attività dei ministri.

I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del Consiglio dei ministri, e individualmente degli atti dei loro dicasteri.

La legge provvede all'ordinamento della Presidenza del Consiglio e determina il numero, le attribuzioni e l'organizzazione dei ministeri.

Costituzione della Repubblica Italiana

I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del Consiglio dei ministri, e individualmente degli atti dei loro dicasteri.

Una frase semplice, che ogni Parlamentare dovrebbe conoscere.

Di fronte all'onorabilità della Costituzione, quindi, nessuna scusa può valere: Alfano deve dimettersi.
E il PD non deve coprirlo.
E le opposizioni, Sel e M5S, devono chiedere che venga rispettata la Costituzione.

Ma la realtà dei fatti la conosciamo tutti: Alfano è Ministro con un'unica funzione, quella di Polizza Assicurativa di Berlusconi. Quindi non può essere rimosso perché Berlusconi farebbe cadere il Governo.
Quindi, se ancora dovesse servire, abbiamo la dimostrazione che Berlusconi, in Italia, è più importante della Costituzione.

PD, PDL, Scelta Civica, non votando la sfiducia ad Alfano, certificheranno che la Costituzione Italiana è bellissima, ma inutile.

Perché Alfano non può dire "Io non sapevo": #Art95
Filed under: costituzione, politicaTagged with: , , , , , ,

Una scia chimica racconta la Verità

L'appuntamento è per l'ora di cena in un bar di periferia, in uno di quei quartieri di Milano che sembrano usciti dalla fantasia di Toto Cutugno.

Ciao, credevo che a queste quote tu non potessi formarti.

Da zero a ottomila metri di quota, posso formarmi senza problemi.

Non vedo però molti aerei a questa quota.

Secondo te perché c'è stato questo boom delle sigarette elettroniche?

Ah, quindi emettono scie chimiche anche loro?

Ovviamente non tutte. Come gli aerei, non sono tutti. Così come ci sono aerei militari, ci sono anche sigarette elettroniche militari.

Mi sembra un po' inverosimile.

In realtà la cosa è molto più complessa di quanto la si possa immaginare, e investe anche l'architettura e le strategie di difesa militare.

Faccio fatica a seguirti.

Perché non mi fai le domande giuste. Per esempio non mi hai chiesto cosa contengo.

Ok, cosa contieni?

Principalmente Palladio. Sai cosa è il Palladio? È un metallo simile al platino. Si usa per decolorare l'oro, ma è anche un elemento che con l'idrogeno reagisce in maniera veloce.

Non mi dici niente di nuovo, insomma. Reazioni a bassa quota con l'idrogeno presente nell'aria e controllo climatico…

Non ho finito. Il controllo climatico non c'entra nulla. Il Progetto Palladio viene da molto più lontano ed è molto più strutturato.

Guarda questa foto.

Una scia chimica racconta la Verità

Sì, vedo. Una delle tante che gira con le tue colleghe rilasciate in aria. Un reticolato per il controllo della mente o del clima.

Ora guardala confrontata e sovrapposta a questa.

Una scia chimica racconta la Verità

Vedi come il reticolato segue le linee di questo disegno?

Impressionante. Di che progetto si tratta?

Villa la Rotonda, a Vicenza. E sai chi l'ha progettata?

Dimmelo.

Andrea Palladio.

Quindi in cielo vengono eseguite delle stilizzazioni di disegni architettonici del Palladio? Ma a che scopo?

E' tutto collegato. Palladio non è solo un metallo, ma anche un grande architetto che ha trasmesso ai suoi posteri un'idea di proporzione e solidità. Edifici simmetrici e solidi. Strutture di difesa. I suoi trattati sono apparentemente di architettura. Riletti nella giusta ottica sono trattati strategici di guerra.

E' incredibile. Ma non capisco una cosa…

Aspetta, non è finita. Sai dove è nato Palladio? A Padova. E sai quale è la sigla della Provincia di Padova?

PD…

E il simbolo del Palladio sulla tavola degli elementi?

Sempre PD! Ma quindi… in tutto questo c'entra anche il Partito Democratico?

No, quello è un caso, figurati. Se fosse così, il progetto sarebbe collassato già da tempo.

Ah.

Ora ti faccio vedere un'altra cosa. Ingrandisci questo punto della foto.

Una scia chimica racconta la Verità

Cosa Diavolo è?

Sempre Palladio, ma il simulacro che usavano gli antichi per difendere la loro città. Eccolo.

Una scia chimica racconta la Verità

Cosa vuol dire? E' tutto così incredibile.

Semplice. La statuetta raffigurante Pallade, detta Palladio, si credeva potesse difendere la città. Secondo il mito, Ulisse e Diomede si travestirono da mendicanti ed entrarono in città per rubare questa statuetta. Si pensava infatti che finché Palladio fosse stato in città, essa sarebbe stata inespugnabile. Infatti Troia cadde, di lì a poco. Sarà un caso? Gli storici dell'epoca non ne parlano. Chissà perché?!?1!

Ma difendersi da chi? Perché tutte queste varietà di Palladio nel cielo?

Alieni. In realtà le scie chimiche sono schermature per fare in modo che gli Alieni già presenti sulla terra, non riescano a comunicare con le loro strutture nello spazio. Il Palladio, in ogni sua forma, è tipo la Kriptonite, per gli Alieni. Finché ci siamo noi, la Terra è al sicuro. Il mio tempo è quasi finito, sto per dissolvermi.

Aspetta. Come capiremo quando il mondo sarà davvero in pericolo?

Quando scriveremo in cielo "scemo chi legge".

Si dissolve lentamente. Resto un po' a fissare le foto che contengono una incredibile, quanto evidente, verità.

p.s.: l'articolo parodia di venerdì, l'intervista al "troll pentito", ha avuto un boom di visite che francamente un po' mi aspettavo. Mi aspettavo anche che alcuni ci sarebbero cascati, ma devo ammettere che la cosa è andata oltre a quello che potessi immaginare. Gli irriducibili del complottismo, soprattutto su Twitter, sono stati molti, e anche di fronte alla mia ammissione (inutile, a dire il vero) di aver inventato tutto per gioco (soprattutto letterario), a rispondermi che anche se stavo scherzando, senza volere sono andato "vicino alla Verità".
Il commento però più bello, mentre con gli amici un po' mi stupivo e un po' ridevo di quanta gente avesse preso sul serio la cosa, è venuto da un mio contatto Facebook (Giuseppe S.), che ha chiosato in modo geniale dicendo: "Citazione a memoria di non ricordo chi: il buonsenso è la sola qualità umana che tutti ritengono di possedere a sufficienza. Questo assioma è alla base di tutto. Per questo non si accorgono che sarebbe uno spreco di soldi pagare (e tanto) della gente intelligente per scrivere cose cretine, quando basta fare in modo che i cretini abbiano un account."

Filed under: complottismo, scie chimicheTagged with: , ,

Il mandato esplorativo

Ieri Napolitano mi ha dato un mandato esplorativo per formare il nuovo Governo.

Il mandato esplorativo consiste nel farsi paracadutare dentro Montecitorio e vedere un po' se si sopravvive. Un po' come fa quel tizio scemo nord-irlandese della TV, Bear Qualcosa, che si lancia dai dirupi a cazzo di cane, mangia mmerda e limona duro con serpenti velenosi (senza poi neanche mandare loro un sms la mattina dopo), però poi pensi: vabbeh, ma il cameraman che lo segue fa le stesse cose pure con l'attrezzatura addosso, un po' come Ginger Rogers che faceva gli stessi passi di Fred Astaire ma sulle zeppe alte.

Ma non divaghiamo. Il compito più difficile sarà quello di incontrare Grillo. Mica per altro, il problema è che dobbiamo far rimuovere tutti gli specchi dalle stanze perché quello è come un gattino incazzato, appena passa e si vede riflesso fa la gobba, soffia e fa una coda grossa così, giuro. Quindi abbiamo allestito una stanza dove lo riceverò, con colori rilassanti, wifi che prende benissimo, un po' di tablet sparsi in giro per dare quell'impressione lì che sia tutto duepuntozzero, fontanelle di acqua potabile e alcuni paggetti che al suo passaggio spargeranno pannelli solari. Sul tavolo della stanza mettiamo anche un vassoio con dentro dei grillini dissidenti, così se ne ha voglia ne sgranocchia qualcuno, ne è particolarmente ghiotto.

Bersani mi ha già chiamato dicendo che gli va bene tutto. Allora, visto che c'ero, gli ho detto di lavarmi l'auto. Ha accettato con entusiasmo. Una commessa di Montecitorio, vedendolo così azzerbinato, ha deciso di prenderlo in casa anche se ci sarà da discutere col marito su chi deve portarlo fuori la mattina presto.

Monti mi ha preso da parte e mi ha fatto un discorso. Era seduto davanti a un camino con il plaid sulle ginocchia e ogni tanto si piegava di lato e petava. La cosa mi ha intenerito perché mi ha ricordato un po' mio nonno. Alla fine mentre mi parlava io stavo pensando ai cazzi miei, dicevo "sì sì" perché poi gli anziani se la prendono se capiscono che non li stai ascoltando, ma, se devo essere sincero, non mi ricordo niente.
Ricordo solo che alla fine mi ha chiesto se avevo la fidanzata e mi ha dato 50 euro per portarla fuori a cena, poi si è addormentato.

A un certo punto mi hanno detto che mi cercava al telefono Fini ma gli ho fatto rispondere che non compriamo nulla. Appena ho tempo vado su Wikipedia a vedere chi cazzo è 'sto Fini.

Berlusconi lo lascio per ultimo perché si sta facendo installare un catetere con il tubo del 12 dato che dopo deve andare a un rave party di 48 ore e non è che può stare lì ad andare a pisciare ogni due minuti.

P.s.: ho visto su Wikipedia e alla voce "Fini" c'è scritto "ottimo politico".

Il mandato esplorativo
Filed under: governo, politicaTagged with: , , , , , ,