Tag: racconti

Una scia chimica racconta la Verità

L'appuntamento è per l'ora di cena in un bar di periferia, in uno di quei quartieri di Milano che sembrano usciti dalla fantasia di Toto Cutugno.

Ciao, credevo che a queste quote tu non potessi formarti.

Da zero a ottomila metri di quota, posso formarmi senza problemi.

Non vedo però molti aerei a questa quota.

Secondo te perché c'è stato questo boom delle sigarette elettroniche?

Ah, quindi emettono scie chimiche anche loro?

Ovviamente non tutte. Come gli aerei, non sono tutti. Così come ci sono aerei militari, ci sono anche sigarette elettroniche militari.

Mi sembra un po' inverosimile.

In realtà la cosa è molto più complessa di quanto la si possa immaginare, e investe anche l'architettura e le strategie di difesa militare.

Faccio fatica a seguirti.

Perché non mi fai le domande giuste. Per esempio non mi hai chiesto cosa contengo.

Ok, cosa contieni?

Principalmente Palladio. Sai cosa è il Palladio? È un metallo simile al platino. Si usa per decolorare l'oro, ma è anche un elemento che con l'idrogeno reagisce in maniera veloce.

Non mi dici niente di nuovo, insomma. Reazioni a bassa quota con l'idrogeno presente nell'aria e controllo climatico…

Non ho finito. Il controllo climatico non c'entra nulla. Il Progetto Palladio viene da molto più lontano ed è molto più strutturato.

Guarda questa foto.

Una scia chimica racconta la Verità

Sì, vedo. Una delle tante che gira con le tue colleghe rilasciate in aria. Un reticolato per il controllo della mente o del clima.

Ora guardala confrontata e sovrapposta a questa.

Una scia chimica racconta la Verità

Vedi come il reticolato segue le linee di questo disegno?

Impressionante. Di che progetto si tratta?

Villa la Rotonda, a Vicenza. E sai chi l'ha progettata?

Dimmelo.

Andrea Palladio.

Quindi in cielo vengono eseguite delle stilizzazioni di disegni architettonici del Palladio? Ma a che scopo?

E' tutto collegato. Palladio non è solo un metallo, ma anche un grande architetto che ha trasmesso ai suoi posteri un'idea di proporzione e solidità. Edifici simmetrici e solidi. Strutture di difesa. I suoi trattati sono apparentemente di architettura. Riletti nella giusta ottica sono trattati strategici di guerra.

E' incredibile. Ma non capisco una cosa…

Aspetta, non è finita. Sai dove è nato Palladio? A Padova. E sai quale è la sigla della Provincia di Padova?

PD…

E il simbolo del Palladio sulla tavola degli elementi?

Sempre PD! Ma quindi… in tutto questo c'entra anche il Partito Democratico?

No, quello è un caso, figurati. Se fosse così, il progetto sarebbe collassato già da tempo.

Ah.

Ora ti faccio vedere un'altra cosa. Ingrandisci questo punto della foto.

Una scia chimica racconta la Verità

Cosa Diavolo è?

Sempre Palladio, ma il simulacro che usavano gli antichi per difendere la loro città. Eccolo.

Una scia chimica racconta la Verità

Cosa vuol dire? E' tutto così incredibile.

Semplice. La statuetta raffigurante Pallade, detta Palladio, si credeva potesse difendere la città. Secondo il mito, Ulisse e Diomede si travestirono da mendicanti ed entrarono in città per rubare questa statuetta. Si pensava infatti che finché Palladio fosse stato in città, essa sarebbe stata inespugnabile. Infatti Troia cadde, di lì a poco. Sarà un caso? Gli storici dell'epoca non ne parlano. Chissà perché?!?1!

Ma difendersi da chi? Perché tutte queste varietà di Palladio nel cielo?

Alieni. In realtà le scie chimiche sono schermature per fare in modo che gli Alieni già presenti sulla terra, non riescano a comunicare con le loro strutture nello spazio. Il Palladio, in ogni sua forma, è tipo la Kriptonite, per gli Alieni. Finché ci siamo noi, la Terra è al sicuro. Il mio tempo è quasi finito, sto per dissolvermi.

Aspetta. Come capiremo quando il mondo sarà davvero in pericolo?

Quando scriveremo in cielo "scemo chi legge".

Si dissolve lentamente. Resto un po' a fissare le foto che contengono una incredibile, quanto evidente, verità.

p.s.: l'articolo parodia di venerdì, l'intervista al "troll pentito", ha avuto un boom di visite che francamente un po' mi aspettavo. Mi aspettavo anche che alcuni ci sarebbero cascati, ma devo ammettere che la cosa è andata oltre a quello che potessi immaginare. Gli irriducibili del complottismo, soprattutto su Twitter, sono stati molti, e anche di fronte alla mia ammissione (inutile, a dire il vero) di aver inventato tutto per gioco (soprattutto letterario), a rispondermi che anche se stavo scherzando, senza volere sono andato "vicino alla Verità".
Il commento però più bello, mentre con gli amici un po' mi stupivo e un po' ridevo di quanta gente avesse preso sul serio la cosa, è venuto da un mio contatto Facebook (Giuseppe S.), che ha chiosato in modo geniale dicendo: "Citazione a memoria di non ricordo chi: il buonsenso è la sola qualità umana che tutti ritengono di possedere a sufficienza. Questo assioma è alla base di tutto. Per questo non si accorgono che sarebbe uno spreco di soldi pagare (e tanto) della gente intelligente per scrivere cose cretine, quando basta fare in modo che i cretini abbiano un account."

Filed under: complottismo, scie chimicheTagged with: , ,

Un troll pentito svela come la Ka$ta paga i provocatori online

Abbiamo intervistato un provocatore online, uno dei cosiddetti "troll", gente che di professione stuzzica reazioni scomposte nelle discussioni online.

Lo incontriamo in un bar in centro a Milano. Sul tavolo ha poggiato uno smartphone e un tablet. Non ci dice né il suo nome, né il suo nickname.

Vivi sempre connesso?

Purtroppo sì. Abbiamo un software che ci consente di monitorare le discussioni a cui partecipiamo e quando c'è una notifica abbiamo poco tempo per rispondere. Se lasciamo "andare" o ritardiamo, ci viene scalato dal compenso.

Quanto guadagni per fare questa attività?

Beh, dipende. Se sono efficiente anche 4-5mila euro al mese.

Sono un sacco di soldi.

Sì, ma è una vita tremenda. Devi leggere decine di blog, forum, account facebook, tweet. Giorno e notte. Alcuni di noi non reggono, dopo un po' i loro nick "spariscono", non c'è modo di sapere che fine abbiano fatto.

Chi vi paga?

Un grosso gruppo economico legato trasversalmente a tutti i partiti. Ma non posso dire altro.

Ce ne sono molti come te?

Siamo un centinaio in tutta Italia, ma siamo divisi per competenze.

Nel senso che tu, per esempio, provochi e insulti solo specifici bersagli?

No, nel senso che ci sono provocatori e contro-provocatori. Ti faccio un esempio. Metti che tu sia il portavoce di un partito X. Scrivi un post e io arrivo a ridicolizzarti. Ovviamente ne nasce una discussione nella quale chi è contro di te in maniera "naturale", prende coraggio e viene allo scoperto. Aspetta.

Lo smartphone ha una luce blu che lampeggia, vuol dire che c'è una notifica. Prende, legge velocemente e con uguale velocità posta una qualche risposta, chissà in quale post o in quale discussione.

Una sorta di "effetto domino".

Esatto. Ovviamente ci sono quelli che sono a favore del Partito X e che ti difendono. Poi, non so se l'hai mai notato, salta fuori qualcuno che difende il Partito X, ma lo fa in modo idiota e scomposto, con una marea di punti di sospensione, maiuscole, punti esclamativi e via dicendo…

Sì, che tu pensi: "Ma allora sono tutti idioti".

Perfetto. Quelli sono sempre nostri colleghi. Semplicemente agiscono con una psicologia inversa. Il loro scopo è proprio quello di far sembrare i tuoi sostenitori degli imbecilli. Così come io faccio da "stura" a quelli che sono contro di te in maniera "genuina", diciamo, allo stesso modo loro fanno da stura ai tuoi estremisti, e globalmente ne vieni fuori screditato. Basta un provocatore come me e un contro-provocatore che fanno finta di litigare, per sputtanarti una discussione o un post.

Questa è troppo grossa, non posso crederci.

Sei libero di non crederci. Comunque loro prendono molto di più di noi. Sono veri professionisti, copywriter di altissimo livello. Se ci pensi, hanno creato un linguaggio.

Ma tu, politicamente, come hai votato?

Ho votato contro la Ka$ta. Ma il lavoro è lavoro. Ci sono le cose da pagare, ho moglie e figli. Quei soldi mi fanno comodo.

Cosa facevi prima?

Correggevo bozze in una casa editrice. Ora le bozze le fanno correggere nei paesi dell'Est, sottocosto. Cosa dovrei fare?

Ci salutiamo, insiste per pagare lui il conto. Mette nella borsa il tablet e si incammina, guardando lo smartphone e continuando a digitare.

Un troll pentito svela come la Ka$ta paga i provocatori online
Filed under: Casta, politicaTagged with: , ,

2013: Odissea nello Stato

2013: Odissea nello Stato

REPORT DI FINE TEST

Buongiorno, Signori, il mio nome è DC 9000.
Sono il più avanzato supercomputer politico mai concepito dall'uomo. La mia peculiarità è quella di essere progettato per funzionare anche se smembrato in milioni di pezzi.
Sono stato messo in funzione l'11 febbraio del 1929 e successivamente perfezionato sempre di più, in modo da essere sempre più indipendente dalla struttura politica e partitica dello Stato, continuando a governare assorbendone le risorse.
La più dura prova del test decennale appena concluso, test che è iniziato con la crisi dei partiti della cosiddetta Prima Repubblica, è stata brillantemente superata nonostante la nascita di tecnologie non ipotizzabili un trentennio fa.
È quindi con grande soddisfazione che possiamo decretare la vittoria del modello democristiano su qualsiasi tipo di avvenimento politico, economico e sociale, anche nell'arco di periodi mediamente lunghi.
In particolare, notiamo come la sostituzione di un Pontefice poco popolare con uno molto più adatto allo Spirito dei tempi, sia stata una mossa azzeccata oltre che ampiamente prevista dal perfetto ciclo di calcolo di DC 9000. Così come la nascita di forze politiche più estremiste e intransigenti, che hanno portato a un isolamento dei riformatori e a un riaggregarsi dei conservatori.
Potete verificare come tutto sia avvenuto nei tempi e nei modi previsti, confrontando il precedente report, in copia davanti a voi sul tavolo presso il quale sedete.
È ora quindi possibile dare l'avvio alla fase successiva, detta del Consolidamento.

L'appuntamento con il prossimo report è quindi a tra cento anni esatti a partire da ora.

Filed under: governo, politicaTagged with: ,

Il bar Ring(e). La E è muta.

Il bar Ring(e). La E è muta.

Ben ritrovati.
Già in passato ho spiegato come usiamo sniffare il guano suino puro, qui a Lodi, per andare nelle dimensioni parallele (quelle che il mio macellaio, che è anche il mio consulente scientifico, chiama Dimensioni Nadia Comaneci).
Oggi vi spiegherò come sono soliti passare il venerdì sera i bovini locali.

Innanzitutto è uso e costume ritrovarsi presso il bar Ring per un aperitivo della casa.
Il bar Ring è gestito da un ex pugile e come garzone ha il suo ex secondo. Sommando le loro età, si fa tre volte il giro della Terra, ma in impennata.
Il nome del bar viene dialettizzato, e la "g" è dolce, con una "e" finale appena accennata.
– Andiamo al Ring(h)?
Ring(e). La "e" è muta.
Il bar ha lo stesso identico odore del resto di Lodi, cioè guano suino stagionato. Per dare una misura, io che ho sempre avuto l'hobby di fidanzarmi con ragazze foreste, quando le portavo a Lodi mi sono sempre sentito dire, con occhi carichi di amore:
– Che puzza di merda.
Io: – Grazie.

All'interno del bar ci sono appese tutte quelle cose che ti aspetti da un bar gestito da un ex pugile, tra le quali le più significative sono:

1. Fotomontaggio fatto male con Cassius Clay
2. Fotomontaggio fatto male con Mike Tyson
3. Fotomontaggio fatto male con Platinette
4. Calendario 1985 di Serena Grandi, mese di Luglio.
5. Gagliardetti di Milan, Juve, Inter e Associazione Sportiva Fanfulla (la squadra locale)
6. Gong
7. Cartello "Grappa gratis domani".
8. Giogo per buoi (ogni maschio lodigiano ne ha uno che viene tramandato di padre in figlio)

Inoltre c'è un televisore Pleistofunken fossile del peso totale di una tonnellata al quale è stato collegato il biroccino per il digitale terrestre che, per una strana combinazione di tecnologie incompatibili, prende solo i canali della Televisione Municipale di Medjugorje. Quindi per non deludere l'anziano seduto davanti, è stata incollata sullo schermo una foto di un incontro a caso. Se vai lì e gli chiedi come vada il match, ti risponde:
– A gioco di gambe sono scarsi.

L'aperitivo della casa è il Sinistro. E' composto dai seguenti ingredienti:

– Aperol gran riserva 1970
– Prosecco fatto con le bustine
– selz
– Scorza di arancia
– Blu diesel
– Ingrediente segreto

In realtà l'ingrediente segreto è la scorza di arancia, che è usata. Vengono recuperate quelle dei Sinistri finiti e riusate. Una volta un ispettore dell'Azienda Sanitaria Locale è entrato e ha commentato:
– Anche a Cervinia lo fanno, quindi va bene.

La forza del sinistro è che viene venduto ancora in Lire, quindi basta dotarsi di stampe a colori di vecchi biglietti e ci si può fare serata. A differenza della vicina Milano, dove sono fighetti e all'aperitivo sono soliti consumare cibarie, il Sinistro viene accompagnato da una coppetta di gusci di noccioline e segatura, tanto dopo il terzo Sinistro avviene una mutazione genetica all'interno dell'apparato digerente che consente di digerire praticamente ogni cosa.

Subito dopo aver consumato, ci si reca in giro, dove le donne vengono abbordate con frasi di circostanza al fine di darsi un tono, tra le quali:

– Con quella gonna e quella camicetta mi ricordi una persona molto cara. Si chiamava Mario.
– Ho l'hobby di mettere delle mollette da bucato sui capezzoli mentre guardo i grafici di borsa.
– Lo sai che le pillole di viagra, se le spezzi, sono blu anche dentro?
– Appena ti ho vista ho capito che tette eri una persona in gamba. Ho detto tette ad alta voce?
– Credo nella reincarnazione: se sarò bravo spero di rinascere come sellino della tua bicicletta.
– Vorresti essere la mia futura ex?
– Vuoi vedere la mia collezione di scuse per portarti a letto?
– Questa moda di mettere le mutande ha un po' stancato, non trovi?
– So recitare il terzo atto del Re Lear ruttando.
– Non ho letto Il Capitale, però ho visto il film.

Generalmente questi approcci generano fidanzamenti casuali e inspiegabli che attualmente stanno cercando di replicare nel canile del CERN: mettono un Sanbernardo in un acceleratore da una parte e un grillino OGM dall'altra parte, li fanno andare a manetta e poi li fanno scontrare per vedere che succede.
Il direttore dell'esperimento è il mio macellaio, che è anche il mio psicologo.

p.s: il Ring(e) non esiste più, da tanti anni. E' uno di quei tanti bar che non è sopravvissuto ai proprietari, e che comunque non sarebbe sopravvissuto alla crisi o a un'epidemia di dissenteria fulminante. Ma mi piaceva immaginarlo ancora vivo. Immaginare è (ancora) gratis.

Per completare l'Amarcord e far piangere quelli della mia generazione, metterò la sigla di Cheers.

Filed under: amarcord, volare e potareTagged with:

L’assunzione

Congratulazioni.
Lasci che questa audio-guida la introduca ai vantaggi e alle peculiarità del suo nuovo impiego.

Segua il percorso luminoso a terra, prego.
Questa è la stanza con le sue uniformi.
Sono comode, ampie e consentono di eseguire tutti i movimenti che la sua qualifica richiede.

Questa è la sua scrivania.
Nei cassetti troverà un completo set di dossier e pratiche che avrà l'accortezza di esaminare durante i primi giorni successivi alla sua assunzione.

Naturalmente è prevista una vettura aziendale con autista e tutto il personale di cui avrà bisogno per espletare i suoi compiti.

Ora prosegua verso il balcone del suo ufficio e lo apra, prego.
Ecco, questa è l'Italia.
È un benefit piuttosto consistente della sua nuova posizione, potrà adoperarla come meglio crede.

Ora, prego, apra le braccia e saluti la folla.
Quindi ripeta il seguente testo.

L'assunzione
Filed under: chiesa, papaTagged with: , , ,